U19

2018-2019

U17

2018-2019

U19- INCONSOLABILE CATAFORIO

Alla Meta serve l'impresa per passare il turno a 2'' dalla fine

 

ASD CATAFORIO CALCIO A5 RC-META CATANIA 6-5 (andata 0-2)

Marcatori: 4'33''pt Maccarrone (CT), 7'37''pt Silvestri (CT), 11'44''pt Labate (CA), 15'31''pt Nucera (CA), 4'43''st Zappalà (CT), 5'48''st e 18'16''st Labate (CA), 6'10''st Nucera (CA), 6'30''st G. Laganà (CA), 10'05''st e 19'58''st Joao (CT)

 

Asd Cataforio: D. Laganà, Campolo, Sarica, Morabito, De Salvo, G. Laganà, Trunfio, Labate, Scopelliti, Nucera, Mancuso, Surace. All. Atkinson.

 

Meta Catania: Dovara, Zenelaj, Maccarrone, Silvestri, Lanzafame, Musumeci, Bonaccorsi, Baio, Ferrante, Zappalà, Joao, Tomarchio. All. Giuffrida.

 

Arbitri: Cefalà di Lamezia Terme e Cundò di Soverato. Crono: Saccà di Reggio Calabria.

 

Note: Ammoniti: G. Laganà e Mancuso (CA), Silvestri e Musumeci (CT)

 

Un boccone troppo amaro da digerire. Un turbinio di emozioni che solo il Futsal sa' regalare. Il Cataforio costringe la Meta a realizzare un'autentica impresa al "PalaMazzetto", mettendoci cuore e grinta, contro l'indiscutibile tasso tecnico degli avversari. Il finale è thriller, con il gol di Joao a 2 secondi dalla fine, quando i supplementari sembravano ormai cosa fatta e probabilmente sarebbero stati l'esito più giusto per quanto visto tra le sfide di andata e ritorno. Inconsolabili i ragazzi a fine gara, con le lacrime di capitan Campolo e Mancuso, oltre al dirigente Porcino. Una sconfitta che certamente aiuterà nel processo di crescita di tutti quanti, che magari sarà sostituita in futuro da una vittoria; però oggi, è inevitabile, è dura da mandare giù.

Si partiva dal 2-0 per la Meta che inzia subito forte e in poco più di 6 minuti si porta sul doppio vantaggio, complicando ulteriormente la rimonta del Cataforio. Le reti sono di Maccarrone (tap-in sul secondo palo con assist di Joao) e di Silvestri (ripartenza in solitaria con il troppo spazio lasciato dalla retroguardia locale). Reggini che hanno il merito di restare mentalmente in partita. A 8' dalla fine, Labate si guadagna e trasforma una punizione dal limite. Catania si fa' ancora minacciosa però a 4'29'' dall'intervallo, Sarica va' via bene sulla destra e trova in mezzo l'accorrente Nucera che con un pregevolissimo colpo di tacco supera Dovara. È il 2-2 che suona come una scossa per i padroni di casa.

 

Al rientro dagli spogliatoi, Dovara e Mancuso sono chiamati più volte in causa. L'equilibrio viene interrotto da Zappalà, che corregge in rete dopo il palo colpito di Silvestri. Anche in questo caso però, la difesa deve recitare il mea culpa. Scocca il quinto di gioco e il punteggio di 2-3 continua a sorridere agli etnei che però non immaginano la grande grinta ed il grande cuore di questo Cataforio che in 42 secondi, segna 3 gol rimettendo la sfida in parità. Nell'ordine sono ancora Labate (nuovamente su punizione) e Nucera (colpo di testa sulla rimessa laterale di Sarica) e poi Gregorio Laganà che timbra il 5-3 con un'azione in solitaria. Ospiti che adesso si riversano in attacco e provano a riportarsi avanti nel punteggio; ai ragazzi di Giuffrida serve un eurogol di Joao per riuscirci (destro a incrociare che si infila nel sette) poco dopo la metà della seconda frazione di gioco. Dovara salva poi su Campolo, mentre Mancuso si oppone a Lanzafame. Si entra così nel gran finale e a 1'44'' dal termine, Labate scarica un destro imprendibile per il nuovo pareggio (6-4). E quando i supplementari sembravano ormai cosa fatta, Silvestri lancia una preghiera nel mezzo, sfruttando lo spazio che la difesa reggina gli lascia, e trova il tocco sottomisura di Joao (altrettanto solo) sul quale Mancuso non ci arriva. Tira un grande sospiro di sollievo il quintetto catanese; stupore e amarezza invece per quello reggino. Il 6-5 qualifica dunque gli elefantini che gioiscono e si riconfermano bestia nera dei bianconeri, dopo averli eliminati anche dalla Coppa Italia. Ma che fatica contro un Cataforio duro a morire anche stavolta e che saluta i play-off Scudetto a testa altissima.

 

A fine gara mister Atkinson ha così commentato: "Negli spogliatoi avevo detto che se il Catania fosse riuscito a superare il turno, avrebbe dovuto faticare e così è stato. Al contrario, in caso di nostra vittoria, avrei fatto i complimenti ai miei ragazzi per la qualificazione e non per la prestazione, perché ancor prima della prestazione serviva ribaltare lo 0-2 dell'andata. I nostri avversari erano sulla carta più forti di noi, ma oggi lo siamo stati noi assolutamente. La Meta prosegue il turno grazie alle sue qualità ma anche a quel pizzico di fortuna in più. Differenze oggi non ne ho viste in campo tra le due squadre. Dispiace per i miei ragazzi che escono a 2 secondi dalla fine. La crescita per loro è avvenuta, l'obiettivo iniziale è stato raggiunto. Faccio i complimenti e sono sicuro che faranno ancora parlare di loro nel futuro, nonostante questa sconfitta. Il messaggio però che voglio anche mandare loro, è di metterci ancora più determinazione in questo sport, se è questo ciò che vogliono fare. La fame e la voglia non devono arrivare solo nella partita, ma anche in settimana e in allenamento. Serve costanza. La mia prima stagione da allenatore? Sono soddisfatto, ma il rammarico resta perché penso che potevamo, con questa squadra, arrivare ancora più lontano nelle competizioni alle quali abbiamo preso parte".

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

U19 OTTAVI DI FINALE SCUDETTO- Alla Meta la gara di andata, ma Cataforio più vivo che mai

 

U19 ANDATA OTTAVI DI FINALE

 

META CATANIA-CATAFORIO 2-0

 

Il Cataforio in avvio, e ad intermittenza durante il match, tiene troppo il freno a mano tirato e finisce per favorire il gioco della Meta Catania. Etnei che vincono per 2-0, un gol per tempo, e sbagliano anche un libero a 8” dalla fine. In entrambe le occasioni, locali in rete dopo i palloni persi dai pivot bianconeri, oggi in giornata “no”, rispetto a ciò che hanno dimostrato di sapere fare. Reggini che si presentavano orfani di due pedine importanti ai fini della rotazione, come Gregorio Laganá e Surace, ma nonostante ciò hanno difeso in maniera attenta ed ordinata, in un campo molto grande, non disdegnando neppure l’utilizzo, per un totale di 7 minuti tra primo e secondo tempo, del portiere di movimento.

 

Tra le occasioni, Meta graziata da Campolo nella prima frazione, sgusciato via alla difesa avversaria sugli sviluppi di una rimessa laterale; oltre alle occasioni di Labate e Nucera nella ripresa, senza dimenticare un altro uno contro uno, stavolta di Sarica, analogo a quello di Campolo del primo tempo. Un gol che i ragazzi di mister Atkinson avrebbero anche meritato.

 

Il 7 maggio ci sarà la gara di ritorno e si ripartirà dal 2-0, non certo impossibile da ribaltare. In questa, come in altre occasioni, servirà anche il supporto del pubblico; un contributo dagli spalti per continuare ad inseguire il sogno Tricolore.

 

A fine gara mister Atkinson ha così commentato: “Due gol presi, uno ad inizio gara ed uno ad inizio ripresa. Disattenzioni nostre, evitabili, ma figlie di un approccio al di sotto delle nostre potenzialità. La Meta ci ha creduto di più e con più convinzione. Anche noi abbiamo avuto le nostre occasioni ma non le abbiamo sfruttate specialmente a causa di una minore convinzione. Il nostro piano partita è stato comunque rispettato. Non volevamo esporci troppo, giocavamo in trasferta ed eravamo anche limitati nelle rotazioni. Il rammarico resta non tanto per il punteggio, che lascia i giochi ancora aperti, quanto per l’atteggiamento con cui ci siamo giocati l’andata degli ottavi di finale scudetto. Adesso è il momento di crederci maggiormente perché solo così possiamo fare venire fuori la nostra forza tecnica e tattica contro una squadra comunque di qualità, bene allenata e che sa’ fare male agli avversari".

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

U19- IL CATAFORIO FA VALERE LA LEGGE DEL “PALAMAZZETTO”

I bianconeri si regalano l’accesso agli Ottavi di Finale


U19 - Ritorno 16esimi di finale

CATAFORIO-FUTURA MATERA 7-3 (andata 6-6)

Marcatori pt:
Bulut (M), Nucera, Labate, Perrucci (M)


Marcatori st: Nucera, Surace, Perrucci (M), Campolo, Sarica, Surace

Note- La Futura Matera ha sbagliato due tiri liberi. Uno sul finale di primo tempo (parata di Mancuso sul parziale di 2-2) e uno nel secondo tempo sul parziale di 6-3.

L’impressione avuta già nella gara di andata, dopo un lungo viaggio ed una gara brillante, è stata confermata nella sfida di ritorno. Dopo il pareggio in terra lucana, il Cataforio si impone per 7-3 tra le mura amiche, al cospetto di una Futura Matera che ha dato filo da torcere ai reggini, specie nel primo tempo. Equilibrio infatti che perdura dopo la prima frazione di gioco, con i locali che prima passano in svantaggio, poi ribaltano, prima di subire il nuovo pareggio. In sequenza le reti di Bulut, Nucera e Surace per il sorpasso e il gol di Perrucci per il 2-2 che decide la prima frazione. Brivido sul finale di tempo, con la gran parata di Mancuso sul tiro libero avversario.

Nella ripresa Cataforio cinico e attento. Nucera riporta in vantaggio i suoi e gli fa seguito Surace; Perrucci timbra il 4-3, prima dei sigilli di Sarica e Campolo (autori di una ennesima, grande prestazione). A chiudere i giochi ci pensa Surace che si regala la doppietta personale. C’è ancora tempo per un altro libero fallito dal portiere ospite che non inquadra la porta quando ancora il parziale era di 6-3.

Enorme soddisfazione per tutto l’entourage reggino che si regala anche quest’anno l’accesso agli Ottavi di Finale, trovando nuovamente sul proprio percorso la Metà Catania. Dopo la sfida di Coppa Italia, terminata 4-2 in riva allo Stretto, ci sarà la possibilità di giocarsela nuovamente contro una formazione quotata ma contro la quale il Cataforio ha dimostrato di poter competere. Appuntamento per la gara di andata, salvo variazioni, il 25 aprile a Catania e ritorno previsto il 7 maggio a Reggio Calabria.

A fine gara mister Atkinson ha così commentato: “Partita tirata, difficile, specialmente dal punto di vista mentale, tipico di sfide come queste che si giocano con andata e ritorno. Nel primo tempo, pur passando in svantaggio, siamo stati bravi a rimontare e ribaltare ma abbiamo peccato troppe volte sull’ultimo passaggio. Probabilmente avremmo sofferto meno fossimo stati un po’ più attenti. É anche vero che, alla lunga, si è vista la nostra forza e siamo riusciti a portare a casa l’incontro. Sono ad ogni modo contento della prestazione dei ragazzi, del passaggio del turno e del fatto che siamo ancora in corsa per lo Scudetto.

 


Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio

 

U19- GRANDE PROVA A BERNALDA NELL’ANDATA DEI SEDICESIMI

6-6 il punteggio finale con i reggini sempre in vantaggio e guidati da Nucera e Labate


Termina in parità la gara di andata dei sedicesimi di finale del torneo U19. I baby bianconeri hanno ben figurato sul campo della Futura Matera, dando anche l’impressione di poter portare a casa l’intera posta in palio.

Primo tempo che si apre col rigore fallito da Sarica dopo 30” e si chiude sul 2-4 per i reggini, andati in gol con la tripletta di Nucera ed una autorete dei locali.

Nella ripresa poi, dopo il gol della Futura Matera, Labate riporta sul +2 i suoi prima che i lucani accorcino sul -1 a 5:45 dalla fine e con il bonus falli già raggiunto. Il 5-5 arriverà poco dopo prima che ancora Labate realizzi il nuovo vantaggio calabrese quasi al 18’ di gioco, su tiro
libero. Matera che non si scompone e sul finale trova ancora una volta il pari.

Le due formazioni si affronteranno nella gara di ritorno alle 19:00 di giovedì 18 al “PalaMazzetto” con in palio gli Ottavi di Finale.

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio

U17- SI CONCLUDE CON UNA BRILLANTE VITTORIA IL CAMPIONATO DEI BIANCONERI


Vince 8-1 il Cataforio del duo Scopelliti-Parisi contro la Fortitudo. Ieri pomeriggio la formazione U17 ha concluso il primo tempo sul 3-0 in virtù della doppietta di Cilione e del sigillo di Iero. Nella ripresa locali ancora a segno con Cilione prima della doppietta di Giriolo, subito dopo della quale è arrivato il gol della bandiera della Fortitudo. A chiuderla ci pensa Macheda per il definitivo 8-1.

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio

U17- DISCO ROSSO NEL PENULTIMO TURNO


Un Cataforio rimaneggiato, viene sconfitto per 6-4 dal San Giorgio ultimo in classifica che ottiene i primi punti stagionali. Primo tempo terminato sul 3-1 (rete bianconera di Giriolo). Nella ripresa Pesaro e Cilione recuperano sul 3-3 ma non basta. I locali vanno ancora avanti sul 4-3 e sul 5-3. Giriolo prova a riaprila sul 5-4 ma San Giorgio che invece la chiude sul definitivo 6-4.

Manca una sola giornata alla conclusione del campionato, con l'ultimo turno previsto contro la Fortitudo Reggio. Servirà vincere per non fare troppi calcoli e raggiungere il secondo posto a ridosso della Armando Segato già vincitrice del girone reggino.

 

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

U17- GLI ALLIEVI SI AGGIUDICANO UNA SFIDA ROCAMBOLESCA

 

Torna al successo l'U17 bianconera che al "Botteghelle" supera in un rocambolesco 4-3 Riempicci La Nostra Valle. Primo tempo che si è chiuso avanti per 2-0 per i nostri ragazzi grazie alla doppietta di Cilione. In apertura di ripresa, dopo il gol ospite, Giriolo fissa il parziale sul 3-1. Avversari che non si danno per vinti e rimontano fino al 3-3 prima del definitivo timbro di Morabito che vale i tre punti.

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

U19- VINCE ANCORA LA CAPOLISTA

 

Dopo avere chiuso il primo tempo avanti di 4 reti, nella ripresa il Cataforio ha colpito altre 5 volte. Il finale è infatti di 9-4, con i gol nella seconda frazione di De Salvo, Labate, Sarica e doppietta di Gregorio Laganà. Ospiti in rete con Cosentino, Graziano, Corallino e Linardi.

 

Riepilogo

Cataforio-Traforo 9-4

Marcatori pt: Labate, De Salvo (x2), Campolo

Marcatori st: De Salvo, Labate, Sarica, G. Laganà (x2), Cosentino (T), Graziano (T), Corallino (T), Linardi (T).

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

COPPA ITALIA U19- IL CATAFORIO ESCE A TESTA ALTA

I bianconeri devono arrendersi alla Meta Catania

 

COPPA ITALIA, U19 - SEDICESIMI DI FINALE

ASD CATAFORIO C5 REGGIO CALABRIA-META CATANIA 2-4

Marcatori: 0'16''pt G. Laganà (C), 0'58''pt aut. G. Laganà (M), 1'53''pt e 2'27''pt De Barros (M), 16'57''pt Tomarchio (M), 12'55''st Attinà (C).

 

Cataforio: D. Laganà, Campolo, Sarica, Morabito, De Salvo, G. Laganà, Surace, Trunfio, Attinà, Scopelliti, Labate, Mancuso. All. Atkinson.

 

Meta Catania: Dovara, Zenelaj, Tomarchio, Zappalà, Lanzafame, Vitale, Ferrante, Maccarrone, Musumeci, Silvestri, De Barros, Bonaccorsi. All. Giuffrida.

Arbitro: Mancuso di Vibo Valentia. Cronometrista: Pedullà di Locri.

 

Note: Ammoniti: Zappalà e Maccarrone (M), Labate (C). Espulso: 14'59''pt Sarica (C) per doppia ammonizione. Al 17'28''pt Ferrante (M) sbaglia un tiro libero (palo).

 

Un Cataforio sfortunato ed inesperto fa da contraltare ad un esperto e più fortunato Meta Catania. Eppure, i ragazzi di mister Atkinson, hanno disputato una buona prova, contro un avversario più quotato almeno nei pronostici della vigilia. La differenza in campo non è stata così abissale; gli episodi hanno finito per sorridere agli etnei, bravi a capitalizzare. Nel giro di 2'27'' il punteggio cambia per 4 volte. Prima è Gregorio Laganà che fa esplodere il "PalaMazzetto" con un bolide che non lascia scampo a Dovara; poi lo stesso subirà uno stranissimo rimpallo sul proprio tacco che befferà Mancuso. De Barros porta poi in vantaggio i suoi, bello lo scambio con Silvestri, e lo stesso brasiliano troverà la doppietta, dopo un altro rimpallo fortunoso che gli ha consentito di presentarsi a tu per tu con Mancuso e batterlo. Nonostante l'incredibile (per quello che si è visto in termini di gioco) punteggio, il Cataforio continua a macinare azioni da gol. Surace da ottima posizione calcia alto mentre Dovara ferma abilmente in due circostanze Labate con un autentico miracolo in occasione della prima conclusione a rete. Lo stesso portiere ospite si esalta sul tiro a botta sicura di Campolo e poi ancora su Labate quando devia quel tanto che basta per mandare il pallone a schiantarsi sulla traversa. Poi Silvestri Mancuso, quasi mai chiamato in causa in interventi di rilievo, mentre Labate controlla benissimo col petto e conclude alto. Cataforio che preme sull'acceleratore, che meriterebbe anche un gol, ma dal calcio d'angolo di Sarica è Attinà che timbra l'incrocio interno dei pali. La risposta dei rossoazzurri è affidata al tiro alto di De Barros. Sul finale di primo tempo le emozioni proseguono. Viene giudicata fallosa la scivolata di Sarica che riceve la seconda ammonizione tra le proteste dei locali ed a pochi secondi dal ripristino della parità numerica, Tomarchio concretizza l'assist di Musumeci. C'è ancora tempo per i due pali di Ferrante (su tiro libero) e Silvestri.

 

Nella ripresa gli ospiti cercano di gestire, abbassando il ritmo, mentre i bianconeri provano a rientrare in partita. Zappalà e Musumeci trovano attento Mancuso, mentre Dovara non si fa superare da Campolo (situazione di uno contro uno) e da Labate. Duello con il pivot reggino che si ripete ed ancora il piplet ospite blocca in due tempi. Attinà, a 7' dalla fine trasforma un calcio di punizione, mentre al 15' mister Atkinson prova a giocarsi la carta del portiere di movimento. I suoi ragazzi,, però, col passare dei minuti perdono lucidità, spinti dalla foga di rimontare ma non per questo ammainano le vele. Al contempo, offrono il fianco alle ripartenze ospiti, con il palo e la traversa colpite da De Barros con due conclusioni nella stessa azione, mentre Dovara cerca il jolly dalla propria porta, ma viene fermato dalla traversa. A fine gara tra crampi, dita rotte e lacrime, i reggini escono tra gli applausi del proprio pubblico perché si è potuto intuire quanto ci tenessero a raggiungere le final eight della competizione. Sconfitte come queste fanno crescere e seppure dure da digerire si sa, lo sport, ripaga il duro lavoro e il sacrificio sia nel breve sia nel lungo periodo; e soprattutto ripaga chi ha la forza di rialzarsi dopo una battuta d'arresto.

 

A fine gara mister Atkinson, ha così commentato: "La Meta è una squadra forte, ben allenata ed organizzata con buona intensità di gioco e che ci ha messo in difficoltà sotto questo aspetto, aiutata anche da un pizzico di fortuna. Ci sono costati troppo cari quei 3 minuti dove siamo passati dall'1-0 all'1-3. Anche l'espulsione ci ha penalizzati, con Sarica che ha preso il pallone proprio sotto i nostri occhi in panchina. Non posso rimproverare nulla ai ragazzi. Hanno lottato, hanno difeso, attaccato e corso ed hanno gettato il cuore in campo. Posso solo applaudirli e dire che meritavamo certamente più fortuna. Ripartiamo sicuramente da questa prestazione, tralasciando il risultato, dove abbiamo giocato alla pari contro una grande squadra secondo me alla nostra portata, perché siamo anche noi una grande squadra e lo abbiamo dimostrato. Testa adesso al campionato, che abbiamo già vinto, ma vogliamo proseguire con le vittorie nel nostro girone e prepararci al meglio per la fase Nazionale.

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

U17- 7^GIORNATA (2^ RITORNO)

POL. FUTURA-ASD CATAFORIO 1-3

 

Marcatori Cataforio: Iero, Mangiola, Ambrogio

 

Torna al successo il Cataforio, aggiudicandosi per 3-1 il match in casa della Polisportiva Futura. Primo tempo deciso dal gol di Iero, mentre nella ripresa hanno chiuso la disputa Mangiola ed Ambrogio. Nel finale il gol della bandiera per i locali che però sono andati vicini al 3-2 con il tiro libero parato da Albanese.

 

A fine gara i due allenatori, Scopelliti e Parisi (in foto), hanno così commentato: "Partita giocata benissimo da tutti i nostri ragazzi, sia in difesa sia in attacco. Una delle gare senza dubbio migliori dall'inizio della stagione. Ottime le prestazioni di Iero, Giriolo, Morabito senza dimenticare Mangiola, Cilione e Pesaro. Menzione particolare per Albanese che ha parato un tiro libero agli avversari, sul 3-1, facendosi trovare pronto come sempre quando chiamato in causa, pur trovando meno spazio rispetto a Scuncia. Al contempo, positivissimo anche lo stesso Scuncia che seppure non chiamato a numerosi interventi, ha risposto sempre presente, attento e reattivo. E' stato deciso di non convocare i 2002 (Attinà e Gabriele Scopelliti ndr) impegnati con l'U19, al fine soprattutto di dare continuità al gruppo di quest'anno degli U17 che proseguirà anche per la prossima stagione".

 

U19- IL CATAFORIO SI CONFERMA CAMPIONE IN CARICA

I bianconeri trionfano nel proprio girone, con 2 giornate d'anticipo

 

U19- GIRONE R 14^GIORNATA (6^DI RITORNO)

 

FUTSAL BISIGNANO-ASD CATAFORIO C5 REGGIO CALABRIA 5-9

 

Marcatori pt: Bisignano (B), Marmellini (B), Surace (x2), Attinà (x2).

Marcatori st: G. Laganà (x2), Surace (x2), Labate, Bisignano (x2) (B), D'Andorra (B).

 

Il destino di chi è chiamato a riconfermarsi non è mai così facile né scontato. Il Cataforio, rinnovato nelle componenti ma non nello spirito e, nei risultati, vince ancora, trionfa ancora, è davanti a tutti anche per la stagione 2018-2019. Il progetto giovanile bianconero continua a raccogliere i propri frutti sul parquet, derivati dalla maniacale programmazione degli staff dirigenziali e tecnici. Anche il roster di questa stagione appone i proprio marchio nella storia del club. Un solo pareggio (contro Polistena) e 2 sconfitte (a Rossano ed in casa contro Bernalda), per il resto solo vittorie (11) per la squadra che vanta anche il migliore attacco (89) e la migliore difesa (39). Si tratta del secondo successo consecutivo da quando è stata inserita la categoria U19, che va a sommarsi al trionfo del girone U21, vinto sempre dai bianconeri che in quell'occasione raggiunsero il gradino più basso del podio italiano.

 

Quest'oggi, sul campo del Bisignano, la "terribile banda" di mister Atkinson si conferma capolista indiscussa, battendo i pari età di casa, rimontando dall'iniziale svantaggio di 2-0. Surace ed Attinà guidano la rimonta reggina, con una doppietta a testa nel corso della prima frazione che si conclude, per l'appunto sul 2-4. Nella ripresa c'è la doppietta di Gregorio Laganà, intramezzata dal gol di Surace. Poi Bisignano accorcia sul 4-7 con Bisignano e D'Andrea. A chiuderla, ci pensano ancora Labate e Surace (poker per lui, che ha confermato l'importanza del suo ritorno dopo un lungo stop per infortunio); mentre nel finale, solo per le statistiche, la tripletta di Bisignano. Al fischio finale è tripudio per i bianconeri che festeggiano e gioiscono il raggiungimento di un altro splendido traguardo.

 

Per il Cataforio adesso bisognerà concludere le ultime due giornate di campionato, contro Traforo (in casa) e Futura, ma mercoledì si ritornerà in campo, al "PalaMazzetto" per la sfida ad eliminazione diretta contro la Meta Catania nei 16esimi della Coppa Italia di categoria. Sfida dall'elevato quoziente di difficoltà. Inoltre, tornando al campionato, i reggini già qualificati alla II fase, Nazionale, della competizione, attenderanno di conoscere il nome dei propri avversari successivamente alla disputa dei play-off dei vari gironi nonché del sorteggio susseguente.

 

A fine gara mister Atkinson, ha così commentato: "Inizio stranissimo per questa gara, e parlo proprio dal viaggio per raggiungere la destinazione, con problemi meccanici ad entrambi i pulmini. Siamo arrivati in orario ma non abbiamo svolto un riscaldamento accurato il che ci ha fatto andare sotto di due reti. Appena prese le misure ai nostri avversari ed al campo, la squadra ha iniziato a girare per come sa, ribaltando il punteggio fino al 7-2. In questo frangente c'è stato un calo di concentrazione, che ci poteva sicuramente stare, ma per il quale continuo sempre a spronare i ragazzi affinché li evitino perché in questo sport non ci si può distrarre mai. Dopo il 7-4 abbiamo ripreso in mano la partita e l'abbiamo conclusa alla grande. Sono contento per Attinà, tornato al gol già nella scorsa giornata così come oggi; Surace si è dimostrato il valore aggiunto che speravamo; bravissimi anche i nostri portieri Mancuso e Laganà, sicurissimi tra i pali. Benissimo anche Gregorio Laganà e tutti gli altri. Il nostro vero segreto, e non mi stancherò mai di dirlo, è racchiuso nel gruppo. Quando giochiamo di gruppo, vengono fuori le grandi individualità che possediamo. È stata un'esperienza bellissima specialmente perché il roster è cambiato molto rispetto all'anno scorso. Abbiamo ricominciato un nuovo percorso e non è mai facile e lo confermano le difficoltà iniziali che abbiamo superato ottimamente. Adesso guardiamo avanti a testa alta i nostri prossimi obiettivi. Oltre la fase Nazionale, mercoledì ci attende la Coppa Italia, gara secca contro la Meta Catania; ci crediamo e proveremo a raggiungere le final eight della competizione".

 

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

 

U17- 6^GIORNATA (1^DI RITORNO)

 

CATAFORIO-SEGATO 2-7

 

Marcatore Cataforio: Ambrogio (x2)

 

Dopo due vittorie consecutive, nella prima giornata del girone di ritorno, il Cataforio deve arrendersi alla capolista Segato al "PalaBotteghelle". Primo tempo concluso sull'1-4 e nella ripresa gli ospiti arrotondano il parziale. Per i bianconeri in gol, con una doppietta, Ambrogio.

 

U19, GIR. R- 15^GIORNATA (6^DI RITORNO)

 

CATAFORIO-OR.SA. ALIANO 13-3

 

Marcatori pt: Campolo, A. Mastrogiulio (O), Morabito, G. Laganà, Labate, Zaccagnino (O).

 

Marcatori st: Campolo, Attinà (4), Labate (2), Magro (O), Scopelliti, Morabito

 

Cataforio: D. Laganà, Campolo, Morabito, De Salvo, G. Laganà, Surace, Trunfio, Attinà, Scopelliti, Labate, Mancuso, Marra. All. Atkinson.

 

Or.Sa. Aliano: A. Mastrogiulio, Magro, D. Mastrogiulio, Zaccagnino, Panio.

 

Tutto facile per il Cataforio contro un'Or.Sa. Aliano presentatasi in soli 5 elementi a referto. Gara mai in discussione per i reggini, seppure nel primo tempo gli ospiti ci hanno provato a impensierire la capolista come testimonia il 4-2, condito dalla traversa di Scopelliti per i locali ed il palo di Panio per gli ospiti. Bello il gol di Mastogiulio.

 

Nella ripresa il Cataforio va subito in gol con Campolo e prendere il largo con l'uno-due di Attinà e Labate sfruttando il portiere di movimento. Ancora Labate insacca su assist di Campolo, mentre Attinà realizza una doppietta nello spazio di 5 secondi, subito dopo la battuta da centrocampo del primo dei suoi due gol. Poi è Magro a rimpolpare il tabellino dei marcatori, mentre chiuderanno i conti, ancora Attinà (quattro realizzazioni per lui), Scopelliti e Morabito. Da segnalare l'esordio tra i locali del portiere Marra.

 

Cataforio che mantiene il primato a tre giornate dalla fine della regular season.

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

 
 

 

 
 
U17, IL CATAFORIO VINCE DI NUOVO

Fortitudo-Cataforio 0-8
 
Marcatori: Iero (3), Ambrogio (2), Giriolo, Mangiola, Cilione.

Poco da commentare nella seconda vittoria stagionale dell'U17 del duo Scopelliti-Parisi, arrivata martedì pomeriggio. Si gioca solo un tempo contro una Fortitudo presentatasi in soli 2 elementi di movimento più il portiere. L'infortunio di un tesserato di casa, ha fatto sì che non ci fossero le condizioni per disputare la ripresa. Per la cronaca, le reti sono state realizzate da Iero (3), Ambrogio (2) ed una a testa per Giriolo, Mangiola e Cilione.

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

 

 

 

U19, IL CATAFORIO SI REGALA I SEDICESIMI DI COPPA ITALIA

Trascinati dalle reti di Campolo e Surace, i bianconeri eliminano Bernalda

 

COPPA ITALIA U19, 32ESIMI DI FINALE

 

ASD CATAFORIO C5 RC-BERNALDA FUSTAL 10-5

 

Marcatori: 5'19''pt, 7'03''pt e 17'10''pt Campolo (C), 6'12''pt Sarica (C), 10'38''pt Surace (C), 13'54''pt Labate, 15'15''pt Figliuolo (B), 19'59''pt Plati (B), 1'58''st Campolo (C), 3'07''st aut. Mancuso (B), 9'33''st e 11'29''st Plati (B), 12'09''st Labate, 13'15''st e 14'55''st Surace (C).

 

CATAFORIO: D. Laganà, Campolo, Sarica, Morabito, De Salvo, G. Laganà, Surace, Rossi, Attinà, Scopelliti, Labate, Mancuso.

 

BERNALDA: Zito, Figliuolo, Quinto, Plati, Coppola, Russo, Laurenzana.

 

Vince non negandosi qualche brivido di troppo il Cataforio contro il Bernalda. I ragazzi allenati da Ricardo Atkinson, sciorinano un primo tempo di altissimo livello, contro una delle formazioni più quotate del girone R, finendo per commettere qualche evitabile disattenzione, rimettendo in gara gli ospiti. Alla fine però, la supremazia tattica, unita ad una maggiore rotazione, ha consentito ai reggini di brindare al passaggio del turno.

 

Cataforio che parte fortissimo, aggredendo alto l'avversario, e concedendo praticamente nulla in un primo tempo che, come detto, ha rasentato la perfezione. Laganà e Plati aprono il conto delle occasioni da gol, non centrando lo specchio; Plati poco dopo, coglierà invece il palo con l'intervento decisivo di Mancuso, provvidenziale. È Campolo a sbloccare il parziale nel perfetto scambio con Gregorio Laganà. Locali che colpiranno altre due volte in pochissimo tempo, con Sarica che timbra il raddoppio, ma grande merito va all'assist in rabona, dopo un precedente scambio nello stretto, da parte di Attinà, da spellarsi le mani. Surace poi recupera un pallone in mediana, la passa a Sarica e Campolo batte Zito sotto le gambe. Cataforio padrone del campo e Zito deve salvare la propria porta ancora su Attinà e Sarica ispiratissimi. Lo stesso Sarica pennella in mezzo dalla rimessa laterale, premiando il taglio di Surace che la mette nel sette per il poker. E dopo che Attinà impegna ancora Zito, Mancuso trova l'assist con il suo rinvio con le mani per Labate, il quale con un elegantissimo stop e controllo a seguire, batte il portiere avversario per la quinta volta. Bernalda ci prova da fuori con Figliuolo e trova il non brillante intervento di Mancuso che si fa scivolare il pallone dalle mani in occasione del 5-1. Lo stesso Mancuso è bravo nelle due conclusioni ravvicinate di Russo, mentre Labate si divora il 6-1 a tu per tu con Zito. Ci penserà Campolo, nella tripletta personale della prima frazione, a tramutare in gol l'assist di De Salvo. A un secondo dalla fine, dormita della retroguardia reggina che su una rimessa laterale lascia Plati troppo libero di colpire per il 6-2 che chiude la prima frazione.

 

Nella ripresa i lucani provano il tutto per tutto e Mancuso di piede salva miracolosamente su Figliuolo. Dall'altra parte ottimo spunto col sinistro a rientrare per Campolo che trova un'altra bellissima parata di Zito. L'azione si ripete, con gli stessi attori, ma stavolta il capitano reggino fa centro. Sul 7-2 il Cataforio abbassa la propria intensità, sicuramente troppo presto, e subisce il ritorno degli avversari. Ancora Mancuso indeciso sul pallone teso in mezzo di Figliuolo al 3', con gli ospiti che avevano adottato il portiere di movimento. Coppola poi sbaglia a porta vuota da metri zero, mentre Plati è impreciso una volta trovatosi solo davanti a Mancuso. Lo stesso Plati troverà il punto del 7-4 con un pregevole controllo, prima del palo interno colpito da Quinto. Spinge il Bernalda e raggiunge il 7-5 ancora con Plati su assist di Figliuolo ancora dal centro-destra offensivo rossoblu. Figliuolo si aggiunge alla lista dei pali colpiti, in una situazione che poteva portare i suoi addirittura sul -1. Atkinson reinserisce allora Sarica, claudicante per un problema muscolare, e il numero 3 reggino trova un altro assist da calcio d'angolo per il tocco di punta di Labate. Poi è Surace che side il portiere e sigla il 9-5, intramezzando il palo di Campolo e la traversa di Labate, direttamente dalla propria metà campo, sfruttando la porta sguarnita. Il terzo tentativo, di Surace, è quello vincente per il 10-5 che non cambierà più fino al termine. C'è ancora tempo per un paio di interventi di rilievo di Demetrio Laganà, che ha sostituito Mancuso, così come per la traversa di Russo e per la spettacolare rovesciata di Laganà, servito dal lob di Attinà, terminata al lato di un soffio. Il Cataforio vince dunque il raggruppamento del girone R e resta in attesa di incontrare la vincente del girone V nei sedicesimi di finale del 6 marzo, ovvero, una tra Real Parco e Meta Catania, con la sfida che sarà disputata il 27 febbraio e, successivamente, chi vincerà accederà alle final eight in programma dal 22 al 24 marzo.

 

A fine gara mister Atkinson ha così commentato: "Devo fare i complimenti ai ragazzi per il primo tempo giocato. Perfetto, sotto tutti i punti di vista, come non lo avevo mai visto. Bravissimi anche a concretizzare quanto creato così come in fase difensiva dove abbiamo recuperato tanti gol. Il gol subito all'ultimo istante del primo tempo è stato sintomo di un calo di concentrazione e mi sono arrabbiato negli spogliatoi, perché è un peccato per la loro crescita. Non sempre può andare bene come è accaduto oggi. Se la partita non è finita, non dobbiamo fermarci anche se stiamo vincendo. Nel secondo tempo loro hanno provato il tutto per tutto rientrando in partita fino al 7-5, sfruttando il nostro calo ed i nostri errori. Sono contento e soddisfatto per la prestazione e l'approccio perfetto ma sappiamo tutti che non dobbiamo concederci questi cali di concentrazione, in particolare contro formazioni del genere, a mio avviso la più forte del girone subito dopo di noi. Il passaggio del turno ci da' grande soddisfazione. Siamo una squadra con tantissima qualità però a livello mentale non siamo ancora prontissimi. Senza cali di concentrazione, potendo così fare valere la nostra qualità, ad oggi non c'è stata nessun altra squadra che ci ha affrontato a viso aperto".

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

 

 

 

U17 CATAFORIO: ARRIVA IL PRIMO SIGILLO STAGIONALE

Battuto il San Giorgio per 11-3

 

ASD CATAFORIO C5 RC-SAN GIORGIO 11-3

 

Marcatori pt: Iero (x2) Ambrogio (x4)
Marcatori st: Morabito (x2), Iero, Cilione, Ambrogio

 

Una naturale conseguenza, dopo i progressi visti in campo giornata dopo giornata. E' così che potremmo riassumere la prima vittoria in campionato dell'U17 del Cataforio. Questo pomeriggio, al "PalaBotteghelle" contro il San Giorgio (sconfitto in entrambe le partite disputate prima della gara odierna) i ragazzi del duo Scopelliti-Parisi trovano l'affermazione per 11-3. Primo tempo che si è chiuso sul 6-2 dopo la partenza sprint (4-0) dei bianconeri guidati da Ambrogio, autore di 4 reti che diventeranno anche 5 nella ripresa, e Iero, doppietta. Nella ripresa anche Morabito con altre due reti si aggiungerà al tabellino dei marcatori, oltre i già citati Iero ed Ambrogio. Prima realizzazione stagionale anche per l'esordiente Gaspare Cilione.

 

Soddisfattissimo a fine gara mister Scopelliti, che ha così commentato: "Abbiamo dominato la partita dall'inizio alla fine, esprimendo un buon gioco. Ottima gara da parte di tutti con Amborgio, Scopelliti e Iero sugli scudi ben supportati dai nuovi. Parliamo di Pesaro, che oggi ha esordito con questa nuova maglia, e Gaspare Cilione, nuovo arrivato anche lui che quest'oggi è riuscito a ritagliarsi più minutaggio, trovando anche il gol. Altro esordio anche per Mattia Albanese che ha ben figurato. Certo, abbiamo subito 3 gol evitabili, e dovremo fare più attenzione. Ci voleva questa vittoria e la stessa ci darà morale e fiducia per il prosieguo, con l'intento di fare sempre meglio".

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

 

 

 

U19, CATAFORIO: A ROSSANO SCONFITTA DI MISURA
Secondo stop stagionale per i bianconeri

 

U19, GIR. R 13^GIORNATA (4^DI RITORNO)

REAL ROGIT-CATAFORIO 3-2

Marcatori Cataforio: 4'34''pt G. Laganà, 16'32''st Campolo

 

Un Cataforio meno brillante rispetto ad altre uscite, viene sconfitto sul campo del Real Rogit. I ragazzi di mister Atkinson sono stati bravi ad ogni modo nell'imporre il proprio ritmo alla gara. La prima frazione ha visto Gregorio Laganà trovare il punto del pari dopo l'iniziale vantaggio dei locali. Lo stesso Laganà, due volte Alessio Labate e Campolo, con un tiro che ha colpito il palo, sono andati tutti vicinissimi al punto del vantaggio. Nella ripresa è ancora il Rogit a trovare la via della rete, prima che capitan Campolo, a 3'28'' dalla fine trovi il gol del nuovo pareggio grazie anche al portiere di movimento adoperato dai reggini. Quinto d'attacco utilizzato anche sul punteggio di 2-2 ed il portiere del Rogit è riuscito, dopo una parata, a mandare il pallone in gol per il definitivo 3-2 arrivato a 2' dalla fine.

 

In classifica Cataforio sempre al comando, con 3 punti di vantaggio sul Bisignano. Sarica e compagni torneranno in campo giorno 20, per la Coppa Italia, visto che domenica osserveranno la giornata di riposo.

 

A fine gara mister Aktinson ha così commentato: "Abbiamo sofferto nel prendere le misure del campo; difficile attaccare e dialogare con i passaggi. Abbiamo anche giocato tanti palloni ma troppo spesso abbiamo fatto le scelte meno efficaci. Il Rogit è stato bravo a sfruttare i nostri errori e pungere nelle troppe ripartenze che gli abbiamo concesso. Non è stata una brutta partita e ci può stare una sconfitta in casa di una pretendente ai play-off. Il loro 3-2? Mi assumo la responsabilità della scelta del portiere di movimento. Ho provato a mantenerlo anche dopo il gol del pareggio per cercare di completare la rimonta".

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

 

 

 

U17- 3-3 a Condofuri
 

 

 

ALLIEVI 3^GIORNATA


Riempicci la Nostra Valle-Asd Cataforio C5 RC 3-3

Marcatori Cataforio: Attinà, Ambrogio, Scopelliti

 

Termina con un pareggio il match di questo pomeriggio disputato a Condofuri dagli Allievi bianconeri. Cataforio che attacca bene nel primo tempo, andando anche in vantaggio con Attiná e subisce sull’unico tiro in porta avversario, con una doppia carambola della difesa, il punto del pari. Bianconeri che non sono riusciti a capitalizzare le numerose occasioni da gol avute. Nella ripresa il movimento da pivot di Ambrogio vale l’1-2 ma locali che pareggiano su azione d’angolo, ancora con una deviazione sfortunata della difesa reggina. Due tiri subiti, due autogol. Jonici avanti sul 3-2 grazie ad un’azione di contropiede, successiva ad una ripartenza del Cataforio. Sulla battuta susseguente e con il recupero già segnalato dall’arbitro, Scopelliti si inventa il gol “da casa sua” trovando il punto del definitivo 3-3.

 

A fine gara mister  Giuseppe Scopelliti ha così commentato: “Era una gara tosta, contro un’ottima squadra, come testimoniavano le due vittorie ottenute nelle prime due uscite stagionali. Ci siamo allenati bene in settimana, capendo gli errori commessi nelle precedenti sfide, ma siamo arrivati anche con il roster rimaneggiato per via di assenze per infortunio. Nonostante ciò mi è piaciuta la gara dei miei ragazzi e se da una parte siamo delusi perché avremmo potuto centrare la vittoria, dall’altra, per come si è evoluta la gara specie nel finale, si tratta senza dubbio di un punto guadagnato. Ottima prestazione per Ambrogio, certamente il migliore in campo; da rivedere Attinà che sa’ e può aiutare di più la squadra”.

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio-

 

 

 

U19- PARTITA SENZA STORIA PER LA CAPOLISTA
Ritorno con gol per Paolo Surace

 

U19 gir. R - 3^giornata di ritorno

 

ASD CATAFORIO C5 RC-FUTSAL POLISTENA 9-3
Marcatori: 4'30''pt e 6'37''pt G. Laganà (C), 7'04''pt e 16'50''pt Surace (C), 8'52''pt Campolo (C), 14'45''pt De Marzo (P), 0'41''st e 4'25''st Prestileo (P), 5'43''st Al. Labate (C), 9'22''st e 12'11''st Campolo (C), 18'07''st Trunfio (C).

 

Un altro successo, il nono in dodici partite. Il Cataforio vola e rafforza il proprio primato, rispondendo con due vittorie consecutive, alla battuta d'arresto nell'esordio del girone di ritorno contro Bernalda. I ragazzi di Atkinson sono letteralmente perfetti contro il Futsal Polistena, unica formazione nel turno di andata a fermare sul pareggio la corsa dei bianconeri. Reggini che partono subito bene e colpiscono due pali a stretto giro di boa, prima con un rimpallo della difesa ospite e poi con Attinà. Sono le prove generali al gol che arriverà a 4'30'' con Gregorio Laganà, lo stesso che un paio di minuti più tardi, tramuta in rete l'assist di Campolo. Cataforio padrone del campo e che colpisce ancora grazie a Paolo Surace, alla prima stagionale, rientrato in rosa dopo un lungo infortunio al ginocchio. Campolo all'8', con un'azione personale, sigla il poker. Tutto secondo copione per il roster locale, seppure gli ospiti accorcino con De Marzo. Prontissima la risposta, ancora di Surace per il 5-1. A 1' dalla fine il Cataforio si complica la vita con il rosso (per doppia ammonizione) ad Attinà che consente in qualche modo il ritorno degli avversari. Nonostante l'inferiorità numerica, il punteggio non cambierà, anzi, Mancuso parerà anche un tiro libero a Prestileo.

 

Quest'ultimo riuscirà a violare il portiere locale per due volte nella ripresa consentendo al Polistena di riavvicinarsi nel punteggio. Cataforio che resta però concentrato e sul pezzo, facendo valere la prpria forza e chiude la disputa con il gol di Alessio Labate (deviazione su tiro di Gregorio Laganà) e la doppietta di Campolo. A 6'04'' dal termine, anche Zito lascia anzitempo il campo per doppia ammonizione. A 2' dalla fine, gloria anche per Trunfio che sigla il punto del definitivo 9-3.

 

A fine gara mister Atkinson ha così commentato: "I ragazzi hanno interpretato benissimo la gara. Sapevamo l'importanza dei punti in palio e che avremmo trovato una squadra in forma e ben allenata. Ci serviva partire bene e con le idee chiare; così è stato. Bravi sottoporta, anche più di altre partite dove invece ci erano serviti tanti tentativi per trovare il gol. Oggi ho visto cinismo in fase di finalizzazione. Sono contento anche di aver fatto ruotare tutti gli effettivi ed un plauso particolare va a Paolo Surace che, di ritorno da un lungo infortunio al ginocchio, ha giocato una grande partita, trovando anche la via del gol. È un'altra importante pedina per il nostro roster. La classifica? Fa piacere sicuramente. Dobbiamo però proseguire su questa strada, un pò come accade in campo, ovvero, pur essendo in vantaggio di largo margine, quando la partita appare in discesa, è il momento giusto per continuare a giocare e non abbassare la guardia. Così facendo potremmo arrivare pronti, specialmente dal punto di vista mentale, quando ci saranno da affrontare gare, di ancora maggiore difficoltà".

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

 

 

 

 

U17- CATAFORIO, PARI NEL DERBY

 

U17, 2^GIORNATA

 

ASD CATAFORIO-POL. FUTURA 5-5

Marcatori PT: Attinà (C), Caristo (x3) (F)
Marcatori ST: Morabito (C), Meduri (F), Mangiola (C), Attinà (C), Scopelliti (C), Caristo (F)

 

Avanti a piccoli passi e con evidenti miglioramenti. Il Cataforio riesce a rimontare ma finisce per essere raggiunto a 30'' dal recupero, nel derby di questo pomeriggio contro la Pol. Futura. Dopo l'iniziale vantaggio di Attinà, c'è stata la risposta di Caristo con una tripletta. Sull'1-3 si è concluso il primo tempo nonostante le occasioni da gol create dai bianconeri ma anche gli ottimi interventi di Scuncia tra i pali. Nella ripresa botta e risposta tra Morabito e Meduri, con il parziale che sorride sempre agli ospiti avanti di due lunghezze. Padroni di casa che mettono il turbo e riescono non solo a completare la rimonta ma anche a passare in vantaggio con le reti in sequenza di Mangiola, Attinà e Scopelliti. Come detto però, a 30'' dalla segnalazione del recupero, la punizione di Caristo (poker per lui) rimette in parità il match su calcio di punizione.

 

A fine gara il co-allenatore Gianluca Parisi ha così commentato: "Stiamo migliorando giorno dopo giorno. Tanti passi in avanti rispetto alla scorsa partita contro l'Armando Segato, del resto è l'obiettivo della società, ovvero far crescere questi ragazzi e metterli nelle condizioni in futuro di poter disputare un campionato nazionale. Note di merito infine per Scuncia, che si è reso protagonista con numerose parate, ed anche per Mangiola, nuovo arrivato quest'anno, che oggi ha giocato davvero una gran partita".

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

 

 

 

 

U17- Esordio amaro contro l’Armando Segato

 

Termina con una sconfitta il primo impegno stagionale per gli Allievi del Cataforio. Ieri pomeriggio, sul sintetico del “Familiari” di Pietrastorta, i ragazzi di mister Scopelliti hanno perso per 7-2 contro i pari età dell’Armando Segato (primo tempo 5-2). Il gioco in profondità degli avversari e le ridotte dimensioni del campo hanno messo in difficoltà i bianconeri, andati in gol con Attinà e Ambrogio. Da segnalare anche la traversa colpita dallo stesso Attinà ed il tiro libero sbagliato da Mangiola.

 

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

 

 

 

U19- TORNA AL SUCCESSO IL CATAFORIO

Espugnata la "tana" della Farmacia C.le Paola

 

U19 Gir. R - 11^giornata (2^di ritorno)

Farmacia c.le Paola-Asd Cataforio 2-6

 

Marcatori: Campolo (x2), Attinà (x3), Morabito

 

Torna al successo in campionato il Cataforio che con un perentorio 6-2 espugna il campo della Farmacia Centrale Paola. Il primo tempo si era chiuso sil 4-1, frutto delle doppiette di Campolo ed Attinà, mentre nella ripresa, dopo che i locali avevano accorciato, ci hanno pensato Morabito ed ancora Attinà a chiudere definitivamente i conti.

La capolista mantiene saldamente il proprio primato, con Bisignano, Polistena e Bernalda ad inseguire.

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

 

 

 

U19, COPPA ITALIA- IL CATAFORIO SI COMPLICA LA VITA MA PASSA IL TURNO

Rocambolesco 8-6 contro La Sportiva Traforo

 

COPPA ITALIA U19, II TURNO

 

ASD CATAFORIO C5 RC-LA SPORTIVA TRAFORO 8-6 (4-4)

Marcatori: 2'08''pt, 3'28''pt e 15'14''pt Campolo (C), 6'08''pt Cosentino (T), 7'23''pt Graziano (T), 11'53''pt e 14'33''pt Ruffo (T), 18'06''pt Sarica (C), 1'45''st e 6'53''st Ruffo (T), 5'00''st Sarica (C), 7'05''st Scopelliti (C), 7'28''st Labate (C), 14'22''st Campolo (C).

 

Asd Cataforio: D. Laganà, Campolo, Sarica, De salvo, S. Laganà, Morabito, G. Laganà, Trunfio, Attinà, Scopelliti, Labate, Mancuso.

 

Traforo: Sommario, De Vicenti, Linardi, Ruffo, Graziano, Milito, Montalto, Silvano, Veneziano, Corallino, Cosentino.

 

Il Cataforio vince "soltanto" con due gol di scarto. I bianconeri di mister Atkinson si complicano maledettamente la vita contro La Sportiva Traforo che, sorniona, per poco non ha sfiorato il colpaccio. Gara sempre saldamente in mano ai padroni di casa che creano tantissimo ma sciupano altrettanto. Ospiti che si affidano alle ripartenze letali ed anche ai lanci in profondità.

 

In avvio capitan Campolo è tarantolato. Segna due gol e ne sbaglia tre nello spazio dei primi 4 minuti di gioco. Pur con due gol di vantaggio, la retroguardia bianconera cala di intensità e il Traforo riesce con due fiammate a ritornare in parità grazie ai timbri di Cosentino e Graziano. In precedenza le occasioni migliori sono stati di Sarica ed Attinà, con Ruffo che invece aveva colpito il palo. Quest'ultimo che capitalizzerà al meglio due ripartenze, portando il parziale sul 2-4 con la sua doppietta. La risposta è di Sarica, destro largo mentre riapre ogni possibile discorso, Campolo per il 3-4. In chiusura, Sarica con una percussione centrale riporta il match in parità, mentre Alessio Labate apre "il fuoco" verso la porta difesa da Montalto. Prima è di poco fuori la sua conclusione, poi timbra invece la traversa.

 

Ed ancora con una traversa di Alessio Labate si apre anche la ripresa (qualche minuto prima Montalto aveva respinto) e non c'è due senza tre, visto che arriva anche il palo colpito dal pivot numero 11. Ruffo, dall'altra parte, si fa trovare sempre al posto giusto e sigla il nuovo vantaggio ospite. Dopo i tentativi di Labate, Attintà e Campolo fermati da Montalto, è Sarica che ritrova la parità con una nuova azione caparbia. È un monologo bianconero in avanti: Sarica ed Attinà non trovano il bersaglio grosso. Contropiede del Traforo e Ruffo riporta in vantaggio i suoi. È qui il momento chiave del match. Il Cataforio risponde immediatamente con il gran gol di Scopelliti che la manda sotto l'incrocio e, 23 secondi più tardi, finalmente Alessio Labate, con il mancino stavolta, riesce a superare Montalto. Il 7-6 evidenzia ora un Cataforio determinato a chiudere la gara, ma ci sono ancora altri due pali colpiti da Campolo nella stessa azione e la parata di Mancuso dall'altra parte che tiene consente ai suoi di mantenere il vantaggio. Campolo conferma la sua buona serata e sigla il gol su azione da rimessa laterale, sfruttando la presa infelice di Montalto. A 4'40'' dalla fine c'è la traversa a porta vuota colpita da Ruffo che da il via al forcing finale della Sportiva. Mancuso si fa trovare pronto in un paio di frangenti respingendo gli attacchi ospiti. Risultato giusto per quanto il Cataforio ha creato ed anzi il punteggio poteva essere più rotondo; una vittoria che consente il passaggio del turno nel quale si affronterà il Bernalda che ha battuto per 11-2 il Rogit.

 

Al termine del match mister Atkinson ha così commentato: "Con tutto il rispetto per la squadra avversaria, il punteggio è giustissimo così come il passaggio del turno. Abbiamo giocato per 35 minuti e loro l'hanno impostata, molto bene peraltro, sulle ripartenze. Noi invece siamo mancati nel salto di qualità ed abbiamo calato di intensità quando invece si sarebbe dovuto alzare ulteriormente il ritmo per non consentire le rimonte ai nostri avversari. Bisogna migliorare qualcosa in termini di finalizzazione e provare anche velocizzare l'ultimo passaggio. Questo sport è strano e può fare degli scherzi. Giochi benissimo in una partita e non segni rischi anche di perdere per un solo tiro subito. Se riusciamo a fare questo salto di qualità, otterremo sicuramente maggiore tranquillità e le nostre stesse qualità non faticheranno a venire fuori. In ogni caso sono contento per la squadra e per il passaggio del turno".

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

 

 

 

U19, LA CAPOLISTA CATAFORIO SCONFITTA A DOMICILIO
A fine gara mister Atkinson: "Eravamo in giornata no"

 

U19 GIRONE R, 10^GIORNATA (1^DI RITORNO)

 

CATAFORIO-BERNALDA 1-3

Marcatore Cataforio: Attinà

 

Una giornata no può capitare, specie nel percorso di crescita in un campionato giovanile. È un Cataforio che paga però a caro prezzo, sul proprio campo e contro Bernalda. L'1-3 finale coincide con la prima sconfitta della capolista che mantiene comunque inalterato il suo primato a +4 dal Bisignano, sconfitto anch'esso a domicilio dal Traforo.

 

A sbloccare il parziale del "PalaMazzetto" sono gli ospiti nel primo tempo su schema da calcio d'angolo, conseguente ad un contropiede. Proprio i contropiede sono stata l'arma dei lucani al cospetto dei reggini che hanno fatto tanto possesso palla, pur non trovando l'acuto vincente in avanti. Il pareggio locale è griffato Attinà, su assist di Sarica, anche in questo caso su schema da calcio d'angolo. A un secondo dall'intervallo, Bernalda passa nuovamente in vantaggio ed ancora su palla inattiva (schema su punizione).
Al rientro dagli spogliatoi il motivo della gara non cambia: Cataforio sciupone e Bernalda attendista e cinico ed il 3-1 ospite si materializza con una palla persa in ripartenza dei bianconeri.

 

Al termine del match, mister Atkinson ha così commentato: "E' stata per noi una giornata no. Troppi errori su cose fondamentali, dai passaggi, ai tiri ed alle valutazioni in situazioni di superiorità. Forse abbiamo pagato l'assenza del ritmo gara che, pur non essendo una scusante, deve servirci da monito. È la prima sconfitta in stagione ma non ne facciamo un dramma ed anzi siamo già proiettati all'impegno di mercoledì in Coppa contro il Traforo". Appuntamento ore 19:00 al "PalaMazzetto".

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

 

 

 

U19, CATAFORIO CAMPIONE D'INVERNO
Secco 2-0 nel derby contro la Pol. Futura

 

U19 GIRONE R, 9^GIORNATA

 

ASD CATAFORIO C5 REGGIO CALABRIA - POL. FUTURA 2-0

Marcatori: 17'43''pt Labate, 8'00''st G. Laganà

 

Ancora una vittoria per il Cataforio U19 che con un gol per tempo supera la Polisportiva Futura, laureandosi Campione d'Inverno. Senza lo squalificato Attinà, i baby-bianconeri concedono il bis dopo l'affermazione infrasettimanale di Coppa Italia contro Polistena. Gara non facile per i locali che devono fare fronte ad una Futura abbottonata che prova a pungere di rimessa. Il primo tempo di fatto ha due sussulti con il salvataggio di Campolo sulla linea ed il gol di Alessio Labate che a 3' dalla fine sblocca il parziale. Nella ripresa il raddoppio porta la firma di Gregorio Laganà, altro interessante prospetto del settore giovanile reggino (10 gol in stagione, uno dei quali in Coppa). La rete arriva dopo una bella triangolazione con Sarica. Nel finale ci prova per due volte capitan Campolo, mentre Laganà è chiamato a salvare la propria porta. C'è ancora spazio per altre due occasioni che portano stavolta la firma di Trunfio. Punteggio che però non cambia e Cataforio che brinda nuovamente ai tre punti.

 

A fine gara, mister Atkinson ha così commentato: "La vittoria è stata strameritata. Abbiamo fatto noi la partita mentre la Futura ha provato a giocare di rimessa. Bravi a gestire il possesso, magari spingere troppo ma prestando altrettanto attenzione in fase difensiva. Non è facile giocare contro avversari del genere ma ce l'abbiamo fatta anche perché siamo stati molto pazienti ed intelligenti. Gregorio Laganà e Paolo Morabito? Sono ragazzi che stanno crescendo di partita in partita. Il primo ha buona tecnica ed il secondo ha tantissima grinta. Non possiamo che essere soddisfatti di questo girone di andata con 7 vittorie e 1 pareggio. I ragazzi hanno risposto alla grande, fermo restando che si dovrà ancora crescere pure nel girone di ritorno".

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

 

U19, COPPA ITALIA- CATAFORIO, AVANTI TUTTA
I reggini centrano la vittoria ed il passaggio del turno

 

U19 COPPA ITALIA, GIRONE R, III GIORNATA

 

ASD CATAFORIO-FUTSAL POLISTENA 4-2


Marcatori: 3’28”pt Attinà (C), 8’52”pt G. Laganà (C), 15’54”pt Campolo (C), 5’56”st Prestileo (P), 10’23”st Martino (P),13’37”st Attinà (C)

 

Serviva la vittoria e la vittoria è arrivata per un Cataforio dai due volti. Il quintetto di mister Atkinson ha infatti disputato un ottimo primo tempo mentre nella ripresa è stato meno brillante rispetto ad altre circostanze. Poco importa però perché il passaggio del turno è comunque arrivato, ad ogni modo meritatamente, contro un Polistena generoso che ci ha provato fino alla fine a trovare almeno il pareggio che lo avrebbe qualificato.

 

Come detto, il primo tempo è tutto di marca bianconera ed Attinà, migliore in campo insieme a Mancuso, sblocca il parziale alla prima palla utile. Zerbi risponde colpendo una traversa, mentre ancora Attinà si rende autore di un interessante spunto personale mandando però sul fondo di poco. Anche Sarica ci prova ma trova solo un calcio d'angolo, mentre gran riflesso di Mancuso che salva sul tiro di Prestileo. Altra traversa (e pallone che rimbalza poi sulla linea), a metà primo tempo sul tentativo ospite ma è ancora Mancuso che ci mette anche del suo nel deviare la traiettoria. Labate fa le prove generali del raddoppio che arriverà grazie a Gregorio Laganà, abile a recuperare la sfera, involarsi e battere il portiere avversario col sinistro. Il 2-0 mette le ali ai padroni di casa e Campolo, al 16', cala il tris. Nel finale è un assedio da parte del Cataforio che non trova per poco il bersaglio grosso, mandando alla conclusione, a ripetizione, Morabito (due volte), Campolo (tre volte) e Labate.

 

La ripresa si apre con Polistena che prova a fare la partita, costretto soprattutto dal dover rimetterla in piedi. Cataforio che si difende ordinatamente ed Attinà si fa minaccioso al 5', sciupando il poker. Dal possibile 4-0, Prestileo, in ripartenza, insacca riaprendo la disputa. La scossa provano a darla le conclusioni di Labate e Morabito ma la mira è imprecisa in entrambi i casi. Prende fiducia allora la squadra rossoverde che nuovamente in ripartenza colpisce, stavolta con Martino per il 3-2. Lo stesso Martino sfiorerà anche il punto del pari, prima della rete di Attinà. Il pivot di mister Atkinson infatti, la chiude al termine di un'azione di contropiede. Nel finale, ospiti riversati in avanti con Prestileo ancora pericoloso per due volte, oltre un tiro libero che ha parato molto bene Mancuso. Al termine dell'incontro, terzo tempo per le due compagini, a testimonianza del bel rapporto che vige tra le società. Cataforio adesso atteso dal sorteggio per conoscere i prossimi avversari in Coppa, si tratterà di una tra Rogit, Bernalda e Traforo.

 

Mister Ricardo Atkinson ha così commentato a fine gara: "Il nostro primo tempo è stato tra i migliori in stagione fin qui; sempre pronti a manovrare ed a costruire tanto gioco, con il 3-0 maturato che è stato un risultato giustissimo. Nella ripresa abbiamo abbassato un pò la concentrazione ed abbiamo subito il 3-2. In quel frangente, il morale degli avversari è salito mentre noi abbiamo un pò vacillato mentalmente, visto che si trattava di una gara secca. Segnato poi il 4-2 è stata una liberazione, anche perché non siamo riusciti a concretizzare precedentemente un paio di occasioni, dove serviva solo maggiore freddezza sull'ultimo passaggio. Questi black-out che subisce la squadra sono sono sicuramente normali nei giovani e capita anche nei roster di una prima squadra. Bisogna imparare a soffrire e dobbiamo evitare di correre rischi. Spero di aiutarli a capirlo e consentirgli di apprendere nel più breve tempo possibile. Polistena ha una bella squadra, ha avuto degli innesti che hanno aumentato ulteriormente la qualità. Sia in campionato sia in Coppa Italia sono state due belle partite. Siamo contentissimi per il passaggio del turno, sono felice per i ragazzi in prima persona e questa è una competizione che ci serve molto per maturare; affrontare partite da dentro o fuori fa crescere ancora di più ed inoltre compiere ottimi passi in avanti di testa e di gioco".

 

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

 

 

U19- IL CATAFORIO SI CONFERMA AL PRIMO POSTO
Blitz esterno con Labate e Campolo decisivi

 

U19 GIRONE R, 8^GIORNATA


Traforo-Cataforio 2-6

 

Marcatori Cataforio: Campolo, Al. Labate, Morabito, Al. Labate, Campolo, Al. Labate

 

Altra vittoria per il Cataforio che espugna per 6-2 il campo del Traforo. Cataforio sul doppio vantaggio nel primo tempo. Tante azioni da rete da una parte e dall’altra. Ottimi interventi del portiere reggino Laganà; reti bianconere che portano le firme di Campolo ed Alessio Labate. In mezzo ai due gol, l’espulsione di Attinà (e del numero 10 locale per reciproche scorrettezze) ed anche un palo colpito da Labate. Reggini che si vedono recuperare, in avvio di ripresa, il doppio vantaggio, pur sfiorando ripetutamente il tris. A quest'ultimo ci pensa Morabito che ha riportato in vantaggio i suoi, non prima dell'incrocio dei pali colpito da Campolo. Chiude i conti la formazione di mister Atkinson, mandando in gol nell'ordine, Labate, Campolo ed ancora Labate (doppietta per il capitano, tripletta per il pivot). Da segnalare anche un palo colpito da Gregorio Laganà. Cataforio che conserva il primo posto, avanzando in classifica a quota 19 punti.

 

A fine gara mister Ricardo Atkinson ha così commentato: "Abbiamo interpretato bene la partita, avendo anche un minimo di conoscenza dei nostri avversari. Bravi i ragazzi ad applicare ciò che io avevo richiesto seppure pecchiamo ancora, intervallando dei momenti di bel gioco a momenti di poca lucidità. Abbiamo infatti subito per questo motivo il recupero dallo 0-2 al 2-2 seppure poi da quel momento in poi, siamo ritornati in partita, con maggiore continuità rispetto al primo tempo. Dal 3-2 al 6-2 abbiamo giocato veramente bene, di squadra e facendo anche valere la qualità dei singoli. Stiamo lavorando bene e crescendo tanto. I risultati ci aiutano tantissimo e ci aiuta anche il fatto che stiamo dimostrando bravura nel non subire gol, quando commettiamo degli errori. Sono contento anche per Alessio Labate che in questo campionato può fare la differenza; non è al top della forma, del ritmo e della fiducia e certamente i gol segnati lo aiuteranno ad arrivarci in breve tempo".

 

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

 

 

U19, CATAFORIO: IL PRIMATO E' TUO
Pokerissimo al Bisignano e cambio al vertice

 

U19, GIRONE R, 7^GIORNATA

ASD CATAFORIO C5 REGGIO CALABRIA - BISIGNANO FUTSAL 5-1

 

 

Marcatori: 17’42”pt Bisignano (B), 1’11”st Attinà (C), 1’54”st G. Laganà (C), 4’32”st Morabito (C), 8’37”st Scopelliti (C), 12’09”st Campolo (C)

 

CATAFORIO: D. Laganà, Campolo, Sarica, Scopelliti, S. Laganà, Morabito, G. Laganà, Trunfio, Attinà, Labate, Mancuso. All. Atkinson.

 

BISIGNANO: Lenti, Prezioso, F. Marmellini, Pignataro, Polverazzi, Camera, E. Marmellini, Paolozzo, Bisignano. All. Pellegrini.

 

Nel big-match di giornata il Cataforio si aggiudica tre punti preziosi e trova anche il primato in classifica. Questa mattina, i ragazzi di Ricardo Atkinson hanno inflitto la seconda sconfitta stagionale al Bisignano, superandolo anche con largo margine grazie ad un secondo tempo concreto.

 

Match dai ritmi non certo elevatissimi anche perché il Cataforio, che ha fatto registrare un maggior possesso palla, predilige i fraseggi in orizzontali, nel tentativo di aprire le attente maglie della difesa ospite. Campolo ed Attinà sfiorano il vantaggio per i bianconeri, così come Gregorio Laganà fermato in angolo da Lenti. Risponde Bisignano che chiama in causa Mancuso con il tiro di Camera ed è ancora Lenti, dall'altra parte, a fermare Attinà. A 2'18'' il parziale si sblocca grazie al timbro di Bisignano che costruisce un tiro ad incrociare dall'out mancino, bello stilisticamente, che supera Mancuso. In chiusura di tempo, Gregorio Laganà coglie invece il palo.

 

Partenza sprint nella ripresa per i padroni di casa che grazie alla coppia Attinà-Laganà ribaltano il punteggio nel giro di neppure 2 minuti, con le reti arrivate a 43 secondi di distanza. Prima è Gregorio Laganà che calcia e sulla respinta di Lenti è lesto Attinà fiondarsi; azione analoga a parti invertite in occasione del raddoppio con il bel calcio da fuori del numero 7 reggino, tra i migliori in campo dei suoi. Cataforio ora padrone del match, Bisignano frastornato, e Morabito risolve in mischia per il tris. Dopo un'altra parata di Lenti, è Pignataro che prova a suonare la carica per i suoi. Duello che si rinnova con il portiere Mancuso, abile a negare il gol all'avversario in più frangenti. Al 9' è poi Scopelliti, da poco entrato in campo, a mettere praticamente in ghiaccio la partita. Ottimo anticipo sulla fascia sinistra e battuta a rete che non lascia scampo a Lenti. È ancora Mancuso chiamato in causa su Pignataro nelle due occasioni da rete ospiti, mentre Labate a 8' dalla fine sciupa da due passi il gol che arriverà qualche minuto più tardi. L'azione di Campolo è identica a quella precedente di Scopelliti, solo che è arrivata dal fronte opposto, il destro. Sul 5-1 il Cataforio gestisce bene il vantaggio, crea qualcosa in ripartenza ma non concede praticamente nulla agli avversari in fase di non possesso.

Un gruppo che col passare delle giornate sta trovando la propria identità di gioco grazie anche ai successi che continuano ad arrivare. Il primato sicuramente, a due giornate dal termine del girone di andata, darà ulteriore spinta morale per il percorso di crescita dei ragazzi reggini che hanno tutte le potenzialità per mantenerlo e portarlo fino in fondo.

 

Al termine della partita, mister Atkinson ha così commentato: "Bisignano non si trovava al comando della classifica. Ha giocatori forti che si allenano anche con la prima squadra e si vede anche in campo. Oggi nei miei ragazzi ho visto la voglia di ottenere qualcosa in più. Subito pronti anche ad aiutarsi a vicenda, tra compagni. Non siamo ancora arrivati a destinazione ma siamo sui binari giusti. Chiedo spesso ai ragazzi il tempo di gioco. A volte facciamo un tempo in più di gioco che ci costringe a ricominciare la manovra. Troviamo ad intermittenza questo tempo ma ribadisco siamo sulla strada giusta. Bravi anche in difesa dove siamo molto attenti e questo arriva specialmente dalla componente mentale e dall'approccio. Se tutti abbiamo questa mentalità verrà complicato per qualsiasi avversario entrare nella nostra difese e quando accade abbiamo due bravi portieri che stanno anche loro facendo bene. Se riusciamo pure a difenderci, soffriamo di meno ed abbiamo le possibilità per organizzare più ripartenze. Infine, ho detto ai ragazzi che le vittorie e le belle prestazioni aiutano a lavorare meglio. Ci auguriamo di poter proseguire su questa strada intrapresa".

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

 

 

CATAFORIO, L'U19 BRILLA A POLICORO

Rafforzato il secondo posto con una prestazione perfetta

 

U19, GIRONE R, 6^GIORNATA

Or.Sa. Aliano - Cataforio 1-9

 

Marcatori st: Campolo, Attinà, Labate, Attinà

Marcatori pt: Attinà, G. Laganà, G. Laganà, Morabito, Attinà (0-5)

 

Il Cataforio si aggiudica il "testa-coda" contro l'Or.Sa. Aliano e mantiene il secondo posto a -2 dalla vetta. Domenica prossima lo scontro con la capolista Bisignano.

Gara dominata dal primo all'ultimo minuto dai ragazzi allenati da Ricardo Atkinson che chiudono il primo tempo avanti per 5-0: apre e chiude Attinà, in mezzo c'è la doppietta di Gregorio Laganà ed il sigillo di Morabito.

 

Nella ripresa Campolo trova la via del gol e gli farà seguito ancora Attinà con una doppietta, intramezzata dal ritorno al gol di Alessio Labate, lietissima notizia ancor più della vittoria esterna.

 

A fine gara il tecnico brasiliano dei reggini ha elogiato i suoi ragazzi: "Avevo chiesto ai miei ragazzi di non ripetere il pessimo approccio come accaduto nell'ultima di campionato che, seppur vincendo, abbiamo giocato senza testa. Al contrario oggi sin dalle prime battute, i ragazzi hanno dato le risposte che mi aspettavo, con un approccio spettacolare. Hanno continuato a giocare con ordine ed attenzione anche dopo avere chiuso sul 5-0 ed anche dopo che il risultato sembrava ormai acquisito. Adesso ci concentriamo sull'impegno di Coppa Italia di mercoledì contro la Futura prima di affrontare il Bisignano in campionato, domenica prossima. Questa è la strada giusta e con questa mentalià, anche se le squadre avversarie possono essere più forte di noi, noi possiamo non essere da meno"

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

 

CATAFORIO, L'U19 BRILLA A POLICORO

Rafforzato il secondo posto con una prestazione perfetta

 

U19, GIRONE R, 6^GIORNATA

Or.Sa. Aliano - Cataforio 1-9

 

Marcatori st: Campolo, Attinà, Labate, Attinà

Marcatori pt: Attinà, G. Laganà, G. Laganà, Morabito, Attinà (0-5)

 

Il Cataforio si aggiudica il "testa-coda" contro l'Or.Sa. Aliano e mantiene il secondo posto a -2 dalla vetta. Domenica prossima lo scontro con la capolista Bisignano.

Gara dominata dal primo all'ultimo minuto dai ragazzi allenati da Ricardo Atkinson che chiudono il primo tempo avanti per 5-0: apre e chiude Attinà, in mezzo c'è la doppietta di Gregorio Laganà ed il sigillo di Morabito.

 

Nella ripresa Campolo trova la via del gol e gli farà seguito ancora Attinà con una doppietta, intramezzata dal ritorno al gol di Alessio Labate, lietissima notizia ancor più della vittoria esterna.

 

A fine gara il tecnico brasiliano dei reggini ha elogiato i suoi ragazzi: "Avevo chiesto ai miei ragazzi di non ripetere il pessimo approccio come accaduto nell'ultima di campionato che, seppur vincendo, abbiamo giocato senza testa. Al contrario oggi sin dalle prime battute, i ragazzi hanno dato le risposte che mi aspettavo, con un approccio spettacolare. Hanno continuato a giocare con ordine ed attenzione anche dopo avere chiuso sul 5-0 ed anche dopo che il risultato sembrava ormai acquisito. Adesso ci concentriamo sull'impegno di Coppa Italia di mercoledì contro la Futura prima di affrontare il Bisignano in campionato, domenica prossima. Questa è la strada giusta e con questa mentalià, anche se le squadre avversarie possono essere più forte di noi, noi possiamo non essere da meno"

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

 

U19, GIRONE R, 4^GIORNATA

CATAFORIO-REAL ROGIT 12-10 (4-3)

 

CATAFORIO: D. Laganà, Campolo, Sarica, Morabito, S. Laganà, Rossi, G. Laganà, Trunfio, Labate, Scopelliti, Attinà, Mancuso. All. Atkinson.

 

REAL ROGIT: Perri, Cirillo, Aloisi, Vito, Barbieri, Solferino, Laschera. All. Cruceli.

Arbitro: Turano; Crono Azzarà entrambi di RC

 

Note- Ammoniti: Attinà (C) e Laschera (R). Espulsi: Sarica (C) (per doppia ammonizione), Scopelliti (C) (per condotta antisportiva), Barbieri (R) (per reiterate proteste), Solferino (R) (per condotta antisportiva)

 

Marcatori: 2’pt e 3’pt Attinà (C), 10’pt Laschera (R), 12’pt Barbieri (R), 17’pt e 17’ (10”) pt Campolo (C), 19’pt Aloisi (R), 1’st, 10’(30”) st e 16’st G. Laganà (C), 2’st Laschera (R), 3’st e 5’st Barbieri (R), 9’st, 10’st e 14’st Campolo (C),10’(20”) st Sarica (C), 11’st Vito (R), 15’st Attinà (C), 17’st Solferino (R), 19’st e 19’(20”) st Aloisi (R).

 

Un Cataforio "ad intermittenza" riesce a spuntarla contro il Real Rogit. Partita dai mille risvolti, dalle difese "allegre" e dagli animi a tratti anche troppo "caldi". Pokerissimo per Campolo, triplette per Attinà e Gregorio Laganà.

 

Pronti, via ed Attinà fulmina il portiere avversario con una doppietta. Rogit che pareggia verso la metà del primo tempo con l'1-2 griffato Laschera e Barbieri, prima dei due rapidi gol in sequenza di Filippo Campolo, migliore in campo in assoluto. C'è ancora tempo per il 4-3 di Aloisi che chiude il primo tempo.

 

Nella ripresa, reggini che tornano sul +2 grazie al centro di Gregorio Laganà, prima di subire nel giro di un amen, la rimonta ospite. Laschera segna al 2', Barbieri una doppietta tra il 3' ed il 5' e Rogit avanti per 5-6. Campolo riprende la squadra su di se e confeziona una nuova doppietta a stretto giro di boa, prima con un gran destro su invito di Attinà e poi con un tiro forte sul primo palo, con Perri che la blocca al di là della linea di porta. Nel frangente veementi proteste di Barbieri che viene espulso. Con l'uomo in più, Sarica la mette sotto l'incrocio per l'8-6 e qualche secondo dopo, altro centro da fuori area per Gregorio Laganà. Vito tiene in partita i suoi trasformando un calcio di punizione e nella circostanza vengono ammoniti Laschera e Sarica per reciproche scorrettezze. Per quest'ultimo si tratta di secondo giallo che si trasforma in rosso. Nonostante ciò, Campolo ancora, Attinà su punizione e Gregorio Laganà portano il parziale sul 12-7 a 4' dal termine. Trascorrono 15 secondi e Solferino insacca sull'ennesima distrazione della retroguardia locale. Animi, già caldi, che si surriscaldano ulteriormente e sfociano nella confusione che si crea al limite dell'area reggina, con Scopelliti che perde la testa e viene espulso insieme a Solferino. Fallo di reazione del primo dopo aver subito uno spintone dal secondo. Sul finale c'è ancora tempo per la doppietta di Aloisi.

Nella prossima giornata i reggini risposeranno e riprenderanno successivamente in casa dell'Or.Sa. Aliano, senza Sarica e Scopelliti squalificati. In classifica Cataforio secondo a 10 punti, dietro il Bisignano a punteggio pieno dopo quattro giornate.

 

A fine gara, mister Atkisnon, ha così commentato: "L'unica cosa che vale di oggi sono i tre punti della classifica, per il resto è stata la partita di queste prime quattro, che mi è piaciuta meno di tutte, anzi, non mi è piaciuta per niente. Dobbiamo cambiare atteggiamento, se vogliono continuare a fare questo sport, serve sacrificio, ascolto ed umiltà. Sono dispiaciuto per quanto accaduto oggi ma ancor di più per come abbiamo affrontato la gara. Speriamo che serva da insegnamento. Abbiamo avuto momenti di bel gioco e di black-out. La pausa ci serve per mettere i puntini sulle I e resettare la testa. Se il gruppo lavora di gruppo allora le nostre individualità possono venire fuori".

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

 

U19- CATAFORIO, A POLISTENA E' 1-1

Sarica risponde a Cannatà in una gara equilibrata

 

U19, GIRONE R, 3^GIORNATA

FUTSAL POLISTENA-CATAFORIO 1-1

Marcatori: 10'pt Cannatà (P), 16'pt Sarica (C).  

 

Termina con un pareggio la terza uscita stagionale dell'U19 del Cataforio. Sfida equilibrata in casa del Polistena decisa nella prima frazione, ma con i due portieri Mancuso e Piccolo che si sono superati in più frangenti. All'iniziale vantaggio di Cannatà, in ripartenza dopo numerose occasioni di marca ospite, ha risposto Sarica sul finale di primo tempo.

 

Cataforio che al termine della terza giornata è solitario al secondo posto con 7 punti. Ha infatti vinto e si è isolato al primo posto il Bisignano (tre vittorie su tre partite), mentre il Rogit, terzo a quota 4 punti, ha riposato e sarà il prossimo avversario dei bianconeri,, domenica prossima al "PalaMazzetto".

 

Soddisfatto mister Atkinson a fine gara: "Gara bella, tirata, contro una squadra molto fisica e che ha in roster ragazzi validi anche tecnicamente.  Possiamo tranquillamente dire che i due portieri sono stati i migliori in campo e, se da una parte, forse meritavamo qualcosa in più noi, dall'altra il pareggio ci può anche stare. Sono contento dei miei ragazzi. Stanno crescendo e stiamo dimostrando di poter imporre il nostro gioco contro chiunque. Questo girone di andata ci servirà maggiormente per conoscere le varie squadre, visto che tutte, compresa la nostra, sono cambiate di molto rispetto alla passata stagione".  

 

Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

U19- SENZA AFFANNO CONTRO PAOLA; NELLA RIPRESA I REGGINI DILAGANO

 

Bianconeri a punteggio pieno dopo due giornate insieme al Bisignano

 

U19, GIRONE R 2^GIORNATA

 

ASD CATAFORIO C5 REGGIO CALABRIA - FARMACIA C.LE PAOLA 8-1

 

Marcatori:10’14”pt e 17’53”pt Morabito, 1’20”st e 17’02”st G. Laganà, 6’34”st e 7’45”st Attinà, 9’08”st Pizzino (P), 13’05”st Campolo, 15’56”st Trunfio

 

Asd Cataforio C5 Reggio Calabria: D. Laganà, Campolo, Labate, Scopelliti, S. Laganà, Morabito, G. Laganà, Trunfio, Attinà, Rossi, Mancuso.

 

Farmacia C.le Paola: Salerno, Romagno, Chianello, Pizzino, Asaroui, Bianco, Mauro.

Arbitro: Alessi di Taurianova. Crono: Pedullà di Locri.

 

Note- Ammoniti: Romagno (P) e Attinà (C).

 

Arrivano altri tre punti in campionato per l'U19 allenata da Ricardo Atkinson, facendo così seguito al 5-4 ottenuto sul campo del Bernalda una settimana fa. Il quintetto bianconero riesce ad avere la meglio contro la Farmacia Centrale Paola. Silani che si sono presentati all'appuntamento in 7 elementi ed hanno pagato la "panchina corta" specialmente nella ripresa. Padroni di casa che, dopo avere chiuso il primo tempo sul 2-0, hanno dilagato nella ripresa. Cataforio che insieme al Bisignano si trova al comando della classifica a punteggio pieno dopo due giornate.

 

In avvio la formazione ospite non ha concesso molto spazio all'interno della propria metà campo e si è resa minacciosa con il contropiede clamorosamente fallito da Mauro. Dall'altra parte la risposta di Attinà, che a sua volta vanifica una ripartenza. Anche Simone Laganà impegna Salerno, mentre Mancuso sbarra la strada ad Asaouri con una gran parata. È Morabito a sbloccare il parziale, infilando da due passi su assist di Pippo Campolo. Risposta ospite affidata a Pizzino, mentre Attinà prova la gran girata al volo senza successo. Cataforio ora più minaccioso in avanti anche con Campolo (Salerno salva) e dal corner susseguente Morabito trova il raddoppio e la doppietta personale.

Nella ripesa è subito Gregorio Laganà a confezionare il tris, dopo le azioni nuovamente griffate Attinà e Campolo. Mancuso sale ancora in cattedra negando il gol a Chinaello, mentre Attinà fallisce un altro contropiede. Il copione non cambia con Campolo che impegna Salerno prima di fornire ad Attinà l'assist per il 4-0. Trascorrono 49'' e Attinà realizza direttamente da calcio di punizione. Sfida praticamente in ghiaccio per i reggini, con Paola che trova il classico gol della bandiera, di pregevole fattura, con Pizzino. Mister Atkinson inserisce Trunfio, il quale sfiora il 6-1 che invece arriverà grazie a Campolo. Ancora Trunfio pericoloso e che alla terza occasione riuscirà ad insaccare, smarcato dal tacco di Rossi. C'è spazio ancora per un paio di interventi di Demetrio Laganà, che ha sostituito tra i pali Mancuso, ed in mezzo, il gol di Gregorio Laganà (doppietta per lui), su assist di Attinà.

 

Al termine della gara mister Atkinson ha così commentato: "I ragazzi si stanno esprimendo alla grande, c'è tanto impegno da parte loro. Non riusciamo sempre a fare ciò che vorremmo ma ci proviamo. C'è ancora tantissimo da migliorare ma questa è la strada giusta. Sicuramente siamo migliorati rispetto alla scorsa settimana. Non conoscevamo i nostri avversari ed abbiamo avuto qualche difficoltà nel primo tempo visti i pochi spazi concessi, il che ci ha costretto a cambiare i nostri piani per scardinare la loro difesa. È normale che questo aspetto richiedesse del tempo durante la partita, ma ci siamo riusciti. Campolo? Lui da inizio anno si sta allenando anche con la prima squadra; sta facendo benissimo in entrambi i gruppi ed è normale che in partite come queste abbia una marcia in più. È anche vero che le qualità individuali vengono esaltate quando tutto il gruppo si esalta".


Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

U19 BERNALDA-CATAFORIO 4-5

 

Trionfa l'U19 di mister Ricardo Atkinson che espugna la tana del Bernalda, trascinata dai gol di Campolo ed Attinà.
 


Nel primo tempo, prima Campolo e dopo Attinà, avevano recuperato dopo l'iniziale 2-0 per i padroni di casa; nella ripresa ancora Attinà per due volte a segno porta sul 2-4 il parziale per i suoi al 5' ed al 6'. Bernalda che riapre a 5' dalla fine ed a 4' trova anche il pareggio. Servirà nuovamente Campolo, a 1' dal termine, per il gol-partita, che assegna i tre punti ai bianconeri.

 

Al termine del match, mister Ricardo Atkinson, all'esordio ufficiale sulla panchina dell'U19 bianconera, ha così commentato: "La gara è iniziata in salita per noi, vuoi per il lungo viaggio, vuoi perché era la prima partita ed anche perché la squadra è sostanzialmente nuova ed i ragazzi devono trovare la migliore intesa. Nonostante questi fattori, al cospetto di una buona compagine come Bernalda che nel suo roster presentava due elementi molto validi che fanno anche parte della prima squadra, siamo riusciti a pareggiare a un secondo dalla fine del primo tempo sul 2-2. Sicuramente i nostri avversari sono stati più presenti nella nostra metà campo, disputando una prima frazione migliore della nostra. Al contrario, nella ripresa, la partenza migliore è stata la nostra, grazie anche ad un atteggiamento diverso, con maggiore coraggio e fiducia e si sono viste tante cose buone. Abbiamo tenuto quasi sempre noi il possesso del pallone ed oltre ad andare sul 4-2 abbiamo anche sfiorato altre reti in contropiede. Siamo però andati in sofferenza sul loro pressing e Bernalda ha potuto pareggiare di nuovo, provando poi anche a vincere. Dal canto nostro, con calma, siamo riusciti a rientrare in partita e trovare poi il gol-vittoria, dopo del quale siamo stati anche bravi a gestire, senza concedere nulla. Sono molto contento e fiducioso della squadra. I ragazzi hanno seguito bene le indicazioni date in allenamento ma è pur vero che ci sono enormi margini di miglioramento, per loro e per me. Credo che possiamo disputare una buona stagione e proseguire il percorso di crescita di questi ragazzi".


Fabrizio Cantarella - Add. Stampa Asd Cataforio -

NEXT MATCH:

 

25 MAGGIO

 

RITORNO

FINALE PLAY-OFF SERIE B POLISTENA-CATAFORIO

ORE 16:00

 

 

 

 

Contatti:

Associazione Sportiva Dilettantistica Cataforio C5 Reggio Calabria
Via Consortile, Cataforio 133
89133 Reggio Calabria

Tel. +39 360/287321 +39 360/287321

E-mail info@asdcataforioc5.it